venerdì, giugno 30, 2006

Materiali: V: Letteratura - Estratti cronologicamente ordinati: secolo XII

Estratti
su Seminara
presi da opere a stampa,
ed ordinati
cronologicamente
- Avvertenza: Per ragioni prudenziali dovute all'eventuale esistenza di un copyright non sono compresi in questa antologia estratti da opere edite in anni successivi al 1899, in pratica successivi all'opera del De Salvo. Ove si ottenga un'esplicita autorizzazione scritta dagli aventi diritto verrà fatta deroga al principio generale. I contenuti informativi potranno tuttavia ritrovarsi nei vari Dizionari e Lessici di questi Materiali, dove è esercitato il diritto di citazione e critica scientifica.

Rerum Italicorum Scriptores
RACCOLTA DEGLI STORICI ITALIANI
Dal cinquecento al millecinquecento
Tomo XXXIV (1917)

§ 2.
rif. all'anno 1287

Due cronache del Vespro in Volgare Siciliano del Secolo XIII
A cura di Enrico Sicardi
I.
– da Anonimo Messinese del secolo XIII:
Lu rebellamentu di Sichilia, lu quali hordinau e fichi fari missir Iohanni di Prochita, contra re Carlu, narrato
p. 21, 21-24:
« Or vinni, in quill’annu videmmi di milli e dui chentu octanta dui, (chi) lu re Carlu si partiu di Brandizi, cum grandi hosti di mari. Et per terra vinniru in Calabria, a Rigio, cum grandi isforzu di Francischi et Provinzani et Lumbardi et Tuscani et di Terra di Ruma. Et passau in’ Missina, e misi campu undi Sancta Maria di Rocca Amaduri».
II.
La vinuta e lu suggiornu di lu re Japicu in la gitati di Catania, l’annu MCCLXXXVII, narrati da frate Athanasio di Jaci, del secolo XIII:
p. 35,10-18:

« In chistu tempu lu Re stava cu grandi anxia di aviri la vittoria di Augusta; ma si mustrava allegru, ed ogni ura inviava un curreri. E tutti li signuri di lu Regnu vinniru a Catania cu suddati assai e cavaddi, chi paria un reduttu d’armi. E lu Re vulia fari lu parlamentu pri abbuscari dinari; ma li Catanisi li dèsiru quantu abbisugnava. Ed una fimmina cattiva, chi non avia figli, dunau a lu Re ducentu unzi, e li soi cosi d’oru; e lu Re l’appi assai a caru, e ristau cuntenti. Chista donna si chiamava Agata Siminara. Lu re Japicu si partiu pri assediari li franzisi ad Augusta; ma sindi jeru primu. E li genti di lu Regnu mentri non eranu fermi; chì cui dicia una cosa, cui un’autra; ma tutti vinianu inchinati a lu Re Japicu. È vero chi ognunu stava a lu vidiri comu ijani li cosi di lu Regnu».
Glossario dato dall’editore: cattiva = vedova. –
Japicu = Giacomo d’Aragona.
Il testo è così commentato e spiegato nell’Introduzione dell’editore Enrico Sicardi (CLXI, 25-27): «E finalmente non tace la soddisfazione del re d’aver ricevuto spontaneamente molti danari da’ Catanesi, e persino il particolare, interessante per la cronaca cittadina, che una vedova senza figli, tale Agata Seminara, “dunau a lu re ducent’unzi e li soi cosi d’oru”, ossia, col denaro, anche le sue gioie; il che, per una donna, non è poco».

Nessun commento: