martedì, aprile 18, 2006

Materiali per una Storia di Seminara: 0. Homepage e Istruzioni per l’uso

Post: Successivo.

Dopo numerose promesse fatte e non mantenute, mi è ora di sprone ed emulazione il recentissimo poderoso ed encomiabile volume sulla Storia di Melicuccà, edito da Paolo Martino, mio cugino da parte di madre, con il quale vi è stata comunanza di ricerca e collaborazione, lui per Melicuccà io per Seminara. Lo scopo qui ed ora perseguito è quello di dare anche io al pubblico interessato un immediato accesso pubblico a quelli che erano i miei “Materiali per una Storia di Seminara” rimasti alla 11ª edizione digitale e non più aggiornati vedo dal 2011 e che solo pochi fidati amici avevano potuto visionare. Nel frattempo ho sviluppato molti altri blog di ben altro contenuto, con una tecnologia che mi accorgo si presta particolarmente bene all’edizione di uno Storia locale, per la quale sarebbe difficile chiedere e ottenere finanziamenti per la tradizionale stampa tipografica. Se ho a lungo esitato, non sono stati i diversi e maggiori impegni o peggio ancora la pigrizia, ma lo scrupolo per il groviglio di ostacoli giuridici alla divulgazione dei dati raccolti nelle più diverse sedi. Sciolgo ora questa remora con la dichiarazione che suppongo per concesse tutte le liberatorie eventualmente necessarie e in caso contrario con l’impegno alla immediata rimozione dei contenuti, appena richiesto dagli aventi diritto, siano essi soggetti pubblici o privati. Al tempo stesso rivolgo alle istituzioni locali a sostenere gli eventuali oneri finanziari di questa pubblicazione digitale, ove essi fossero per me eccessivi. Ciò detto organizzo la pubblicazione dinamica dei dati raccolti secondo il piano originario, modellato su diversi files word da stampare poi in Volumi. Essendo però ben diverse e più potenti ed articolate le modalità offerte da questa piattaforma, quel piano originario verrà trasformato in una nuova strutturazione dei Materiali che può considerarsi la 12ª edizione dei Materiali. La trasformazione avverrà in progress ed il Lettore sarà guidato da apposita segnaletica. Ma la cosa più importante che ci sentiamo di dire è che questa nuova tecnologia consente di continuare il lavoro iniziato e di raccogliere intorno ad esso una piccola Scuola che ne accetti la metodologia e lo spirito rigorosamente scientifico. Avvertiamo anche che la nostra intenzione non è solo quella di fare necessaria erudizione, base di parte per il lavoro storico, ma noi stessi opera di storia, quando i dati raccolti saranno sufficienti, anche in parte, per una “narrazione” e per considerazioni di carattere storico.

Seminara, 8 agosto 2011
- Nel 16° anniversario della morte,
in Seminara, di mio padre Rocco.

COMPENDIO DI MATERIALI OCCORRENTI
PER UNA STORIA DI SEMINARA

che vengono continuamente aggiornati,
raccolti e coordinati nelle più diverse Sedi
da Antonio Caracciolo
in memoria del padre
Rocco
(Seminara, 17.3.1904-Seminara, 8.8.1995)

12ª Edizione Web, dove si riversa in rete, con le opportune modifiche, la
precedente 11ª edizione Word, ferma al 2001, per poi proseguire
con l’immissione dei nuovi dati.

EDIZIONE DIGITALE WORD
2001

ISTRUZIONI

per la lettura dei Materiali

La lettura di questi Materiali non è di tipo sequenziale e rifugge dai criteri tradizionali del libro cartaceo, di cui sono qui evidenti tutti i limiti. Non si ha alcun interesse al libro compiuto in ogni sua parte e volto a presentare una determinata successione degli innumerevoli fatti che sono accaduti nel tempo o una loro inevitabile selezione come la sola interpretazione possibile del passato o la sola che abbia dignità ed interesse.

Ogni singolo capitolo è l’intuizione di un possibile campo di ricerca. Si dà inizio ad un nuovo “capitolo” ogni volta che si delimita un nuovo settore di ricerca. Il nuovo capitolo è inserito accanto a quello più affine, rifacendo ogni volta la numerazione complessiva e la distribuzione generale della materia. L’Indice-Sommario è redatto con la massima cura possibile, allo scopo di dare un’idea precisa del contenuto e favorire l’utilizzo dei Materiali. Un cenno infine va fatto alle questioni giuridiche connesse a diritti di autore o protezione di dati. I “Materiali” nascono come appunti privati di studio senza destinazione alla pubblicità. Essi constano perciò di ampie copiature di brani di libri editi o di altre fonti su cui possono esistere diritti. Le fonti da cui si è attinto sono citate ogni volta che è possibile farlo. Nel caso in cui sia necessaria un’autorizzazione per l’ulteriore divulgazione essa verrà chiesta a titolo gratuito. Ove ciò non sia concedibile i dati saranno cancellati dalla ulteriore divulgazione pubblica.

Ogni capitolo ha carattere in se omogeneo e compiuto e costituiscono un campo di ricerca. I capitoli sono a loro volta aggregati in singoli volumi secondo criteri di affinità. Per comodità dei Soci della Società Seminarese di Storia Patria sono curate stampe cartacee organizzate in volumi e capitoli. Le Istruzioni che seguono danno i criteri per una consultazione proficua di questi Materiali, quando il loro utilizzo non sia intuitivo. Le ricerche genealogiche sono state redatte in un apposito soft che a tutt’oggi non è stato aggiornato al Mac OS X. La loro trasmigrazione in un altro soft o perfino la loro ricopiatura manuale risulta quanto mai onerosa. I Materiali constano infine di una ricchissima documentazione iconografica consistente in riproduzioni fotografiche analogiche e digitali.

Antonio Caracciolo
e-mail: antonio.caracciolo@uniroma1.it

INDICE GENERALE DELL’OPERA: dimensione quantitativa dei dati
Vol.Cap.Sez.Pag.Descrizione
I



Bibliografia e fonti: Contiene una Bibliografia generale, divisa per temi, ed altre sezioni aggregate.
II



Archivi pubblici: contiene le voci di inventario degli Archivi pubblici frequentati, relativi a momenti, luoghi, personaggi etc. della storia di Seminara, in cui almeno per il periodo più antico si include quella di Palmi, casale di Seminara.
III
Cap.Sez.Pag.Regesto dei Notai di Seminara: partendo dai Notai più antichi, giunti fino a noi, in numero assai ridotto rispetto a quelli esistiti, non potendo farne una trascrizione e pubblicazione integrale si è avviata la loro regestazione, seguendo un ordine cronologico. La difficoltà principale è la comprensione delle grafie, superabile solo dalla lunga pratica ed esperienza. Nella regestazione si riporta solo ciò che si è con sicurezza compreso, avvertendo di ciò che non si è compreso e della sua entità.
IV
Cap.Sez.Pag.Descrizione
V
Cap.Sez.Pag.Descrizione
VI
Cap.Sez.Pag.Descrizione
VII
Cap.Sez.Pag.Descrizione
VIII
Cap.Sez.Pag.Descrizione
IX
Cap.Sez.Pag.Descrizione
X
Cap.Sez.Pag.Descrizione
XI
Cap.Sez.Pag.Descrizione
XII
Cap.Sez.Pag.Descrizione
XIII
Cap.Sez.Pag.Descrizione
XIV
Cap.Sez.Pag.Descrizione
XV
Cap.Sez.Pag.Descrizione
XVI
Cap.Sez.Pag.Descrizione
XVII
Cap.Sez.Pag.Descrizione
XVIII
Cap.Sez.Pag.Descrizione


Indici generali

Indice delle Sezioni (= S).
P = numero di pagina.
Cap. = Capitolo

SezCap.DescrizionePag.

Annotazioni sparse. Sono qui raccolti rapidi appunti e promemoria di carattere eterogeneo, da spostare altrove o rielaborare. Lo spazio è utile per delineare sistemazioni anche migliori dell’intero documento. Può anche servire per conservare traccia di dati tolti da altre sezioni e altrimenti destinati alla cancellazione. È lo stesso che un brogliaccio che però si ritiene utile conservare e tenere in evidenza.16
SezCap.DescrizionePag.
SezCap.DescrizionePag.
SezCap.DescrizionePag.
SezCap.DescrizionePag.
SezCap.DescrizionePag.
SezCap.DescrizionePag.
SezCap.DescrizionePag.
SezCap.DescrizionePag.
SezCap.DescrizionePag.

Nessun commento: